Progetto artistico

La tarantella è una danza dal movimento vivace e circolare, praticata in tutto il centro e sud dell’Italia, accompagnata con una musica che porta lo stesso nome.

Secondo alcune credenze, la tarantella era una danza che permetteva di guarire dalla follia generata dal morso della tarantola, ragno mitico presente in diverse regioni del Sud Italia. È una danza che offre la possibilità di esprimere i non detti in quanto è dare la parola al corpo. È una danza che ha il potere di unire le persone oltre che di celebrare la vita. Quando essa viene trasmessa nel modo giusto, arriviamo a comprendere, con tutto il nostro corpo, che siamo tutti collegati, tutti uguali, tutti capaci e importanti.

tullia-conte-photo-marco-infante (1)

Danzare la tarantella ci mette in relazione con ciò che ci supera in quanto misterioso, con quella parte dell’esistenza che è «magica». Tutto questo avviene se si rispetta la dimensione democratica del cerchio, dove tutti e tutti sono ben accolti e possono vivere questo momento di condivisione e di liberazione.

La ronda o cerchio rituale è uno spazio sacro e purificatore dove il tempo è sospeso, dove tutto è permesso ad esclusione di qualsiasi forma di competizione e giudizio.

È un luogo speciale dove ognuno è accolto, protetto e curato attraverso il sostegno della comunità.

Il cerchio della tarantella ci porta ad essere collegati gli uni agli altri, più centrati in noi stessi e quindi più aperti agli altri, a dare e a ricevere in modo sano e semplice. Ciascuno diventa parte di un insieme. Ciascuno è alla ricerca di un movimento cosciente comune e, allo stesso tempo, individuale. Attraverso le danze in cerchio, come la tarantella, sperimentiamo la gioia, la condivisione ed una comunicazione che si esprime al di là delle parole.

L’obiettivo dei laboratori, come degli spettacoli e degli eventi è condividere il ricco patrimonio delle danze del sud Italia.

Questo scambio sull’arte segreta della danza permette ad ogni partecipante di scoprire un nuovo universo culturale: CONSULTA IL CALENDARIO